Compito delicato: educazione all’affettività.

Postato il Aggiornato il

Di  Gilberto Gobbi

Risultati immagini per educazione affettivitàUno dei compiti più delicati che hanno i genitori riguarda l’educazione alla sessualità, intesa nel triplice aspetto di maturazione della capacità generativa, psicosessuale e affettiva. E’ un percorso lungo e faticoso, ma ne vale la pena.

1) La maturazione della capacità generativa – Questo aspetto li impegna a curare, con controlli periodici, il buon funzionamento dell’organismo anche dal punto di vista genitale; a educare all’autocontrollo senza repressione, mediante la coscienza riflessa di ciò che è bene in sé; a superare il capriccio; a non seguire l’atteggiamento di cedimento generale nel lasciar correre quanto a divertimenti e pretese di avere “tutto e subito”. E’ necessario educare al senso del sacrificio e al senso dell’attesa; creare alcune condizioni favorevoli mediante l’igiene mentale, l’ordine e l’equilibrio tra riposo, gioco, studio, esercizio fisico e movimento, alimentazione sana e sufficiente.

2) La maturazione psicosessuale – Richiede la neutralizzazione di tutto ciò che erotizza l’ambiente e lo rende luogo ambiguo e frivolo; il superamento della curiosità sessuale morbosa e di contrabbando, immettendo stimoli positivi come l’apertura al dialogo, la comunicazione serena e corretta con l’altro sesso, il rispetto verso tutto ciò che riguarda l’amore, la corretta valutazione della mascolinità e femminilità, la serenità nelle relazioni familiari ed extrafamiliari, le eventuali esperienze di servizio e impegno verso chi ha bisogno, la partecipazione a movimenti e gruppi misti, l’informazione sessuale progressiva, cioè connessa alle differenti fasi di maturazione psicologica. L’ambiente educativo sereno e disteso, pieno di fiducia reciproca e di affetto amichevole, fatto di presenza seria e affettivamente equilibrata è indispensabile. In un ambiente sereno il bambino e l’adolescente parlano spontaneamente dei loro dubbi, delle incertezza, dei timori perché sanno di essere compresi. Là dove non c’ accoglienza e accettazione di forma la convinzione che un’eventuale apertura conduce a una valutazione sfavorevole. Di qui il silenzio.

3) La maturazione affettiva della persona – Questo aspetto richiede, specie in età adolescenziale e giovanile, che i genitori siano attenti a formare nel figlio la coscienza del posto che ogni persona occupa nell’insieme delle cose e nel mondo, come uomo e come donna, disponibile verso gli altri, l’altro sesso, verso l’Assoluto che è Dio e verso tutto ciò che viene da Lui, a partire dal proprio corpo. Questo aspetto “religioso” di tutta la realtà è possibile dentro una formazione spirituale profonda. Essa si apre all’altruismo, al servizio, alla gratuità, al senso di responsabilità, all’impegno nello studio, nel lavoro, nelle amicizie, e in una vocazione assunta come progetto di vita e di amore. E’ importante aiutare il giovane ad aprirsi verso tutte le possibili vocazioni, senza tradire il suo diritto a conoscerle e a confrontarsi con esse. In questo modo le normali attrattive sessuali sono vissute in un quadro che ha come nucleo centrale l’amore e quei valori che portano ad esso. Il problema dell’informazione sessuale e dell’educazione all’amore nell’ambito familiare, nei gruppi e nella scuola è oggi rilevante e va affrontato con serietà, serenità, scientificità, partendo dalla realtà dell’essere donna e dell’essere uomo

 

Annunci

Nuovo evento a Verona

Postato il


Non possiamo dimenticare quanto la Chiesa sia  maestra d’anime e quanto in questo ha insegnato e ancora insegna San Tommaso d’Aquino, per questo non manchiamo di segnalare questa importante proposta formativa di Verona:

Il combattimento spirituale: dalla lotta alla vittoria

Incontro con Milly Gualteroni e Antonio Gentili

Venerdì 20 aprile 2018, ore 20.45

Chiesa Parrocchiale Madonna di Dossobuono – Via Mantovana 149, Verona

https://aippcveneto.wordpress.com/events-list/

http://www.doctorhumanitatis.eu/

Conseguenza spirituali e sociali dell’aborto.

Postato il Aggiornato il

Di Daniele Malerba

Dell’aborto si parla di frequente come di un diritto della donna. Per principio il diritto di una persona non dovrebbe danneggiare, o perlomeno dovrebbe tenere conto del diritto degli altri. E non può essere negazione di una responsabilità personale. Leggi il seguito di questo post »

Psicologia cattolica e cultura.

Postato il

Di Daniele Malerba

Si sono concluse da poco le elezioni. L’Italia ha scelto, o ha cercato di scegliere, le persone che dovrebbero condurre la sua storia nei prossimi anni, e ha scelto da che etica essere guidata indicando così la propria cultura di riferimento. È evidente che non è una cultura cattolica. Leggi il seguito di questo post »

Sulla questione degli impulsi.

Postato il Aggiornato il

Risultati immagini per impulsi arteDi D. Malerba

Mi sembra che sia stata poco posta una questione fondamentale nel dibattito etico: “è mai possibile che essere in una situazione di peccato che io non ho scelto, ma nella quale mi ci sono trovato senza mia colpa, o almeno senza colpa volontaria e cosciente, mi porti all’inferno?”.

L’esempio più evidente è quello della omosessualità, chi si trova in questa condizione non sembra averla scelta volontariamente e deve in qualche modo accettarla per quella che è. Ma accettarla implica Leggi il seguito di questo post »

Appuntamenti a Bassano

Postato il Aggiornato il

Ci segnalano una serie di incontri a Bassano, con personalità di grande rilevanza, che affronteranno da diverse angolature un unico tema di fondo: ogni esistenza porta in sé una speranza di salvezza. Quale risposta può dare la Fede all’uomo contemporaneo?

Lunedì 5 febbraio verrà a Bassano del Grappa padre Giuseppe Barzaghi o.p., sacerdote domenicano, docente di Teologia fondamentale e dogmatica e di Filosofia teoretica. Il 5 marzo sarà per la prima volta in città la scrittrice e giornalista Costanza Miriano, che presenterà il suo ultimo libro. Il 7 maggio ritorna l’avv. Mauro Ronco, Presidente del Centro Studi Rosario Livatino, mentre il 4 giugno chiuderà il ciclo un incontro con una testimonianza forte e personale, quella della scrittrice e giornalista Milly Gualteroni.

Tutti gli incontri si svolgeranno presso l’hotel Palladio, in via Gramsci, 2, a Bassano, alle ore 20.00.

Ulteriori informazioni nel volantino allegato, o via mail info@scuoladiculturacattolica.org, oppure visitando il sito http://dondidimo.it/scuoladiculturacattolica

Psicoterapia e percorso spirituale

Postato il Aggiornato il

Di Daniele Malerba

Quale rapporto c’è tra percorso spirituale e trattamento psicoterapico? Quali differenze e somiglianze? Può la psicoterapia contribuire al percorso spirituale? E viceversa?

Domande alle quali è difficile rispondere anche se, a prima vista, sembrerebbe che il percorso psicoterapico e la vita spirituale avessero un comune oggetto di interesse: la vita dell’anima. Ma non è detto, Leggi il seguito di questo post »