Psicoterapia biblica

Postato il Aggiornato il

bibbiaAut. Daniele Malerba

Continuo, forse un pò in solitaria, a sostenere che la bibbia ha una propria potenzialità terapeutica ed è certo irresistibile per me come cattolico e psicoterapeuta l’idea di usare questa sua potenzialità.

La bibbia non è terapeutica perché influenza religiosamente le persone, o dice loro cosa devono fare o essere (anche se in effetti in parte lo fa, come nel libro dei proverbi che però dà indicazioni che possono andare bene per credenti e non), ma perché è un libro che permette una riflessione su di sé e sulle cose; perché, come già dicevo altrove, parla continuamente all’uomo di se stesso, è uno specchio[1] dell’immagine umana, specchio che permette a chiunque di vedere parti di sé e della propria storia, elemento in cui può esservi proiezione di sé: i personaggi biblici sono il nostro specchio ma anche un luogo dove noi proiettiamo parti di noi e dei nostri conflitti, quello che ci vediamo dentro è quello che noi mettiamo dentro a loro: emozioni, pensieri, storie della nostra relazione.

Parla ovviamente anche della presenza di Dio nella vita dell’uomo, ma i non credenti possono affrontare la bibbia tranquillamente sul piano simbolico, o come racconto di reazioni e vicende umane, come una specie di biblioterapia.

Ci vuole tuttavia metodo per leggerla e affrontarla, e qualche conoscenza sui suoi contenuti. Se si usa come elemento di specchio bisogna capire quali sono le parti che possano andare bene alla persona che ci è davanti e alla situazione che quella persona porta in quel momento. Come ogni strumento terapeutico va dunque adattato ai bisogni, necessità e richieste delle persone. Bisogna anche avere una infarinatura su cosa esattamente sta dicendo quel brano e introdurvi la persona che è in terapia spiegandole cosa c’entra con lui. Mi stupisco spesso però come le persone leggano nello stesso brano cose che io non avevo visto o alle quali non avevo pensato, in una direzione molto diversa da quella che io avevo immaginato: segno che la bibbia parla diversamente con ciascuno e che spesso mi indica percorsi e sintomi nuovi e la possibilità di nuove narrazioni.

E’ indubbio che sant’Ignazio di Loyola e i gesuiti insegnino qualcosa in questo senso, e in questa direzione mi pare possa andare lo psicodramma biblico (http://www.psicodrammabiblico.it/).

Tanto per fare degli esempi e delle proposte di riflessione a chi può essere interessato a questa idea propongo queste indicazioni:

  • Elaborazione della rabbia: la storia di Sansone
  • Rapporto di coppia: la storia di Sansone e Dalila, Tobia e Sara
  • Rapporto con il padre e la madre: la storia di Tobia, Gesù ritrovato nel tempio
  • Elaborazione della vergogna: Adamo ed Eva Nudi
  • Costruzione del sé: Neemia
  • Nascita, amore, costruzione di sé e identità: Genesi
  • Rapporto con i fratelli: Giuseppe
  • Rapporto con Dio: Vangeli
  • Rapporto con lo stigma e la pazzia: Saul nelle ultime fasi della sua vita
  • Rapporto con il limite umano e il fallimento: Giobbe
  • Conflitto con l’ingiustizia: Giona
  • Rapporto con la paura della sofferenza: Gesù nell’orto degli ulivi.

 

[1]Nella psicodramma lo specchio è una funzione terapeutica (cfr “Manuale di psicodramma” di J. L. Moreno e Z. T.Moreno, 1980, ed. Astrolabio). Nello sviluppo infantile è lo sguardo della madre che definisce l’identità del bambino, il “meccanismo del rispecchiamento”, è secondo lo psicanalista D. H. Winnicott fondamentale per la formazione della propria identità “precursore dello specchio è la faccia della madre” (cfr. “Gioco e realtà” , 1971, in Italia edito da Armando Editore).

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...