Scienza e cattolicesimo

Postato il

di Malerba Daniele

A volte penso che il science-and-faith-300x200cattolicesimo non si sia mai più ripreso dopo avere dichiarato per 200 anni come eretiche le idee di Galileo.

Non solo perché a volte non sembra che il trauma e la vergogna di quella sciagurata decisione abbia mai lasciato la Chiesa Cattolica, e sia mai stato veramente elaborato e risolto, ma anche perché, dopo un errore così lapalissiano, i dubbi che si hanno nella capacità di giudizio della Chiesa anche in altri campi restano fortissimi e giustificano posizioni teologiche e antropologico, etiche, morali e spirituale, più disparate.

E la Chiesa, a volte, dà l’impressione di non credere neppure più in se stessa.

E come spesso succede in tempi di frettolosa rottamazione come in quelli attuali, non si ha la pazienza di un sano discernimento e si butta il bambino con l’acqua sporca, magari con l’idea che ciò che  conta non sia la ricerca della verità ma l’ossequio alla popolarità.

E certo è che oggi è popolare sparare sulla Chiesa Cattolica.

Ed è certo che, da Galileo in poi, il mondo intellettuale laico ha sempre più diffidato del mondo ecclesiale e che quest’ultimo poco ha saputo confrontarsi e, anzi, lo ha allontanato di frequente, anche quando appoggiava gli assunti cattolici o, almeno è quello che mi sembra di notare oggi. In una strana incapacità di distinguere amici e nemici.

Questa tensione si vede in molti campi, incluso quello psicologico, in cui gli ecclesiastici non hanno saputo riconoscere il contributo della psicologia, ora esorcizzandola come un demone, ora esaltandola come un dio, e spesso non hanno saputo parlare con i propri intellettuali laici.

O semplicemente riconoscerli e confrontarsi con questi.

In quest’epoca attuale, in particolare, in cui c’è stato uno sbalzo enorme nelle competenze culturali nell’ultima generazione, in cui i padri si sono trovati con figli con un livello culturale molto più elevato del loro e nell’incapacità di fungere loro da guida, anche la Chiesa Cattolica si è persa, in un inutile e infruttuosa confusa fuga.

Ne è derivato uno strano e ingiustificato ossequio al razionalismo e uno spostamento impercettibile ma sostanziale verso il protestantesimo illuminista con perdita delle competenze spirituali e mistiche, che il mondo intellettuale rifiutava come non proprie, ma che, invece sono la vera ricchezza del cattolicesimo.

Ed è forse per questo che pochi intellettuali oggi osano dichiararsi apertamente cattolici, uccisi culturalmente dal “fuoco amico”.

Il cattolicesimo tende a perdere la sua capacità di guida quando cerca di trovare la sua ragione nel pensiero umano e non nella sua naturale radice mistica. Smarrisce così la usa vera identità di organismo spirituale, di guida mistica, pensando che la ragione basti e passando ad una idolatria della ragione che porta però al relativismo e al nichilismo.

Ora credo debba ritrovare la propria semplicità e la propria umiltà, e approdare al riconoscimento dei limiti della ragione. Questa può riconoscere la realtà, nel limite in cui l’intelletto umano può giungere, ma non può costruire la realtà e, soprattutto deve imparare ad accettare le testimonianze di mistici e santi che sono stati arricchiti di un rapporto particolare con Gesù.

Francamente sono stanco di sentire dire che i miracoli, le apparizioni, i mistici, non servono alla fede o non sono veri o utili perché antiscientifici: sono invece vere strade per la scienza, luce e indici del limite dell’uomo, doni particolari che Dio ci manda perché ne abbiamo bisogno. Ora non si può dimenticare che i dogmi sono stati confermati spesso proprio da miracoli o da mistici, che aiutano l’uomo nel proprio limite. Il limite di conoscenza dell’uomo sta nel confine dello spirito, ed è lá che la Chiesa Cattolica è chiamata a fare vigilanza e a recuperare il suo ruolo. Se perde questo perde se stessa, la propria ragione e la propria identità profonda.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...